Economia

L’inizio della discussione generale sulla legge di bilancio, inizialmente prevista per domani alle 11, è rinviata a martedì alle 9 in Aula.

Tanti nuovi bonus e incentivi, un accordo dell’ultimo minuto sull’estensione del superbus e una vera e propria pioggia di micro-standard.

La manovra ai tempi di Covid sta cambiando molto, ma non in secondo piano: mezzi complicati mai visti prima disponibili, quasi 5 miliardi, potrebbero soddisfare gli appetiti della maggioranza e dell’opposizione, che raccoglie centinaia di notizie.

Nella prima e sostanzialmente unica approvazione parlamentare alla Camera, la manovra perde il fondo Covid di 3,8 miliardi, che sarà sostituito dalla nuova variante a inizio anno dal decreto “definitivo” del Ristori, che si diluisce a centinaia di emendamenti di un miliardo. per l’anno bianco dei lavoratori autonomi fino a 100. 000 euro per creare un master in medicina termale fino a centinaia di contratti dall’INPS ai ministeri. A questo si aggiungono le modifiche finanziate dagli 800 milioni che hanno lasciato a disposizione dei parlamentari sin dall’inizio, mentre il disarmo per il Sud perde tre miliardi in due anni di copertura di React Eu, che sosterrà una serie di altre risorse. presente nel testo. sulla base della legge sul bilancio, e sono sostituite dalla copertura del deficit per distribuire meglio, su richiesta di Bruxelles, l’utilizzo dei fondi europei.

L’esame della Camera, a causa dei ritardi in commissione Bilancio, è stato rinviato di un giorno e permette che tutto si chiuda, anche in Senato, prima di Natale. Ma in una maratona di 48 ore, dopo settimane di mescolamento, tra elenchi affollati e riformisti riformisti, nel caos quasi normale durante le sessioni di bilancio, le richieste più disparate vengono ricevute dalla commissione, alcune di grande importanza come “cig” per i liberi professionisti: è un primo provvedimento che modifica il benessere dei dati AVI in attesa della riforma globale degli ammortizzatori, e che introduce un assegno fino a 800 euro per sei mesi a chi riduce della metà il reddito.

Ma è la crisi che continua a prevalere, con il focus sui vaccini senza Iva, come gli assorbenti interni, e da somministrare da 3. 000 medici e 12. 000 infermieri impiegati ad hoc per i prossimi 9 mesi, nuovo pacchetto della metà. un miliardo di aiuti al turismo – oltre ad altri 500 milioni per aeroporti e servizi di handling colpiti dal crollo dei voli – e una serie di interventi per vari settori, dal tessile alla cannabis. E a mitigare il rischio di cassa integrazione, quando a marzo termina il blocco, arriva il contratto di trasferimento, che si estende ai disoccupati con Naspi e non solo a chi percepisce il Reddito di cittadinanza, come opzione della ‘via di mezzo”. ‘di 250 dipendenti. il contratto di ampliamento, che consente una lunga scivolata verso il pensionamento.

I fondi per la produzione e l’importazione di cannabis medica stanno raddoppiando. Il Comitato Bilancio della Camera ha approvato una modifica della manovra, inizialmente firmata da Riccardo Magi, che stanzia tre milioni e seicentomila euro per la produzione e settecentomila euro per l’importazione di cannabis a scopo terapeutico nel 2021. Invece di non fare nulla. per la liberalizzazione della cosiddetta cannabis light, con una percentuale di Thc inferiore allo 0,5%.

Invece guarda al futuro, sperando che ci sia un volantino per collegare la ripresa, l’estensione del super bonus al 110% nei rinnovi verdi, che il Movimento 5 Stelle in primis, seguito da tutti i gruppi parlamentari per la verità, ora vorrebbe estendere. fino al 2023.