lunedì, 20 novembre 2017 - Redazione - Contatti

Milano, centomila alla Marcia pro-migranti. E Salvini propone ne propone una per gli italiani

Da Redazione, in Cronaca il .

Grande successo per la marcia in favore dell’accoglienza dei migranti organizzata dal comune di Milano e dalle associazioni su modello dell’omologa manifestazione avvenuta a Barcellona lo scosso febbraio. “Vogliamo accogliere”: questo il grido che attorno a cui si è radunato il gigantesco corteo partito da Porta Venezia. Il sindaco Sala, che aveva già annunciato la sua partecipazione all’evento, ha sfilato in prima fila insieme alla mamma per tutta la durata della manifestazione, che dopo aver percorso Porta Nuova, Piazza della Repubblica e Porta Volta, si è sciolta poi in Piazza del Cannone.

Matteo Salvini è intervenuto a riguardo condannando quella di oggi come “Roba da matti” proponendo al contrario una “Marcia per i diritti degli italiani”.  “Senza regole”, aggiunge il segretario della Lega, “non c’è futuro”. Ma d’altra parte è arrivato il plauso unanime delle autorità, che hanno espresso il loro favore per la marcia dell’accoglienza: il premier Gentiloni, in un tweet, ha voluto ricordare come Milano resti una città “sicura ed accogliente“. Un messaggio del presidente del Senato Piero Grasso riporta alla cronaca la questione dello ius culturae, per cui migliaia di giovani, figli di immigrati, potrebbero ottenere la cittadinanza italiana in quanto condividono il percorso di studi in scuole italiane. Grasso ha infatti voluto ricordare che “chi nasce e studia in Italia è italiano”.

 

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi