Esplosione Basf, nube tossica verso il Baltico: niente paura per l’Italia

Da Redazione, in Esteri il .

La gigantesca nube tossica sprigionata dalle esplosioni di questo pomeriggio in due distinti stabilimenti chimici della multinazionale Basf nei pressi di Francoforte si sta dirigendo verso l’Europa dell’Est, in direzione est-nord-est, e nei prossimi giorni devierà verso nord fino a raggiungere il Mar Baltico e i paesi scandinavi. La nostra penisola non rischia, almeno secondo i dati diffusi delle agenzie metereologiche, alcuna esposizione alla nube che si sta formando in Germania.

L’azienda tedesca Basf, acronimo di Badische Anilin- und Soda Fabrik (Fabbrica di Anilina e Soda del Baden) ha fatto sapere in un comunicato che non risultano, almeno per ora, tracce di componenti chimici nell’aria e che le esplosioni avrebbero coinvolto solamente gli impianti esterni. I media locali riferiscono però che alcuni abitanti della zona denunciano difficoltà a respirare e altri problemi di natura respiratoria.