giovedì, 21 settembre 2017 - Redazione - Contatti

Eutanasia su un minore, primo caso in Belgio

Da Redazione, in Esteri Primo Piano il .

La possibilità era prevista da una legge ratificata e firmata dal re del Belgio il 2 marzo 2014, e permette che un bambino vittima di ‘sofferenze intense’ non psicologiche e impossibili da alleviare possa venire sottoposto ad eutanasia, qualunque sia la sua età, previo consenso del minorenne stesso e dei suoi genitori o tutori legali. Tale legge, che ha creato scalpore e proteste nel Belgio stesso, è stata applicata per la prima volta recentemente: ad annunciarlo il quotidiano belga Het Nieuwsblad che scrive: ‘per la prima volta nel nostro paese un minorenne è morto per eutanasia‘.

 

La legge prevede che il bambino debba possedere la capacità di intendere e di volere, e che questa debba essere accertata davanti ad uno psicologo e ad uno psichiatra. Serve inoltre che entrambi i genitori, o chi ne fa le veci,  prestino consenso scritto. In seguito alle polemiche derivate dalla nuova legislazione riguardo l’eutanasia infantile, i sostenitori della legge hanno precisato che nessun medico sarebbe stato obbligato per legge ad applicare l’eutanasia , e che sarebbero stati applicati rigidi criteri dall’equipe medica che ha in cura il paziente.

 

Eutanasia e suicidio assistito

Il minorenne, di cui non si conosce nè l’identità nè l’età, ha subito l’eutanasia per iniezione letale, come previsto dalla legislazione belga. Il Belgio è attualmente uno dei tre paesi europei che consente l’eutanasia, insieme al Lussemburgo e ai Paesi Bassi.  In altri paesi, caso più noto quello della Svizzera, è stato legalizzato invece il suicidio assistito, in cui è il paziente stesso ad agire nell’atto di ingerire il farmaco letale, il pentobarbital.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi