Italia-Spagna, è 2-0: Chiellini e Pellè portano gli azzurri ai quarti di finale

Da Redazione, in Primo Piano Sport il .

Secondo alcuni è stata la vera finale di questo Europeo, l’incontro in cui l’Italia avrebbe dovuto dare la vera conferma di sè dopo le buone impressioni contro il Belgio e la Svezia. Un’Italia che ha vinto, si diceva, ‘perchè il Belgio ha giocato male’ e perchè il gol di Eder all’88’ contro la Svezia era stata l’unica azione di una squadra dal gioco piatto e senza personalità.

Le occasioni dell’Italia e la rete di Chiellini

Eppure oggi l’Italia si è confermata: la vittoria contro la Spagna per 2-0 ha aperto le porte dei quarti di finale a Bordeaux che si giocheranno il 2 luglio contro la Germania campione del mondo, permettendo agli azzurri non solo di poter guardare avanti ma di poter ambire a portarsi a casa l’Europeo, cosa che non avviene dal 1968.

E la Nazionale oggi ha confermato pienamente la sua identità. La formazione aggressiva che Capello aveva preannunciato ai microfoni di Fox Sport s’è fatta sentire: il pressing degli azzurri  e una difesa impeccabile hanno lasciato poca libertà di iniziativa agli iberici chiudendo i loro spazi e permettendo agli azzurri di salire e trovare più volte possibilità di conclusione. Conclusione che sfiorano prima Giaccherini, poi Pellè, fino ad arrivare al gol di Chellini, che la mette in rete su ribattuta della punizione di Eder.

Il raddoppio di Pellè

Italia che continua a essere aggressiva per 70 minuti di gioco, dopo di che, esausta, lascia iniziativa agli spagnoli, i quali trovano quasi la rete in più occasioni, più fortunata tra tutte quella di Piqué fermata da uno straordinario Buffon pochi minuti prima del fischio finale dell’arbitro Cakir. La conclusione di Graziano Pellè servito da Darmian al 1′ minuto di recupero porta l’Italia sul 2-0 e quindi ai quarti di finale si sabato contro la Germania.