giovedì, 21 settembre 2017 - Redazione - Contatti

Italiana rivela: ‘Ho ospitato Anis Amri a Roma, voleva bomba atomica su Israele’

Da Redazione, in Esteri il .

Anis Amri, il 22enne tunisino autore della Strage di Berlino ai mercatini di natale del 19 dicembre 2016 nel quale hanno perso la vita 12 persone, tra cui l’italiana Fabrizia Di Lorenzo, sarebbe stato ospitato a Roma qualche tempo prima della strage, ospite di una coppia di fidanzati, lui di origini tunisine, lei italiana. Ed è proprio quest’ultima, di cui si conosce solo il nome, Jessica, e l’età, 22 anni,  ad aver rivelato al quotidiano tedesco Bild di aver dato alloggio a Anis Amri in diverse occasioni.

Il marito di lei, in carcere per traffico di stupefacenti, aveva conosciuto Amri ed erano diventati amici. Da qui l’amicizia con la coppia, con i quali il 22enne autore della Strage di Berlino avrebbe passato diversi periodi, ospite nell’abitazione dei due a Roma. Tra le varie rivelazioni fatte dalla giovane italiana al Bild quella di un improvviso cambiamento di Amri dopo il carcere. Sembra che Amri apprezzasse un certo tenore di vita non proprio radicale,« (Con mio marito) facevano casino, hanno bevuto, fumato, incontrato donne, poi all’improvviso è diventato molto diverso». La ragazza ha riferito di come Amri avesse iniziato a pregare 5 volte al giorno, rifiutare il fumo e l’alcool, e de l fatto che avesse iniziato a stringere strane amicizie su Facebook, con persone che inneggiavano all’Isis: «Diceva che si dovrebbe lanciare una bomba atomica su Israele».

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi