lunedì, 18 dicembre 2017 - Redazione - Contatti

A Livorno introdotto il reddito di cittadinanza, 500 euro al mese

Da Redazione, in Economia il .

Residenza nel territorio del comune di Livorno da almeno cinque anni, disoccupazione, iscrizione al Centro per l’Impiego e reddito minimo familiare sotto i 6530 euro: sono questi i requisiti stillati dalla nuova giunta comunale del sindaco M5S del capoluogo toscano, Filippo Nogarin, per l’assegnazione del reddito minimo di cittadinanza, di cui già si era parlato anche in Italia su proposta del movimento di Beppe Grillo. La proposta, bocciata in Italia (e recentemente anche in Svizzera, a seguito di un referendum per un sussidio mensile di circa 3000 euro) è stata invece fatta propria dal sindaco livornese, che in pochi mesi dall’elezione l’ha resa realtà.

500 euro al mese per 900 benificiari

Sta di fatto che a Livorno intanto il progetto è partito. Più di 900 i beneficiari, 997 le domande arrivate in comune, 73 quelle rifiutate per mancanza di requisiti, e via all’assegno di 500 euro al mese. Il Comune ha chiesto a chi lo riceve di ricambiare con lavori socialmente utili in comune, e finora, fanno sapere, l’aspettativa si è mantenuta sopra la media e l’iniziativa del comune si è rivelata un successo.

L’assegno fa parte, in ogni caso, di una sperimentazione della durata di 6 mesi. Ma si tratta solo di un primo passo verso un servizio che verrà riproposto, e che allargherà la sua platea di beneficiari, dicono dal Comune.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi