giovedì, 21 settembre 2017 - Redazione - Contatti

Di Maio, su Facebook botta e risposta contro romeni in Italia: «Qui il 40% dei loro criminali»

Da Redazione, in Società il . Tag:

È polemica sul web per il post pubblicato da Luigi di Maio sulla sua pagina Facebook, nel quale il Vicepresidente della Camera ha condiviso parte di un’intervista al Procuratore aggiunto di Messina Sebastiano Ardita.  Commentando il video del procuratore Ardita, Di Maio si è schierato contro il “bell’affare” del mercato unico europeo affermando che l’Italia ha importato dalla Romania il 40% dei criminali. Nel post incriminato la Romania viene anche accusata di stare importando capitali e imprese italiane.

«Siccome in Italia la politica non ha mai voluto far funzionare la giustizia, anzi molto spesso l’ha sabotata volutamente, noi stiamo attraendo delinquenti, mentre le nostre imprese scappano dove i sistemi giudiziari sono più efficienti: come in Romania!»

Immediata l’indignazione dei cittadini romeni residenti in Italia che hanno risposto alle affermazioni di Di Maio ricordandogli che c’è un grande numero di romeni in Italia che paga le tasse e che si comporta onestamente. Alle polemiche è seguito poi un ulteriore post su Facebook dove il Vicepresidente della Camera difende le sue affermazioni, sottolineando che il fatto che il 40% dei criminali romeni si trovi in Italia sia opinabile in quanto dichiarato nel 2009 dall’allora ministro romeno della Giustizia Catalin Predoiu.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi