lunedì, 20 novembre 2017 - Redazione - Contatti

Morto padre Amorth, se ne va l’ultimo esorcista

Da Redazione, in Cultura il .

Ci teneva a specificare che ‘il diavolo’ si trova difficilmente nelle persone, e la maggior parte delle volte il disturbo che la persona a lui rivoltasi accusava era solamente di natura psicologica. Così iniziavano le conversazioni con lui, Padre Gabriele Amorth, esorcista decano della diocesi di Roma e persidente della Associazione Internazionale degli Esorcisti da lui fondata nel 1990. Secondo il quotidiano Liberazione, Amorth avrebbe condotto più di 70000 esorcismi nel corso della sua vita, un numero sufficiente a rinominarlo, come alcuni facevano, ‘il principe degli esorcisti’ in ovvia antitesi con la figura del demonio, che in principio secondo la tradizione era il principe degli angeli (da qui anche il nome Lucifero, dal latino lux-fero portatore di luce).

Si è spento ieri Padre Amorth, presso l’ospedale Santa Lucia di Roma, dove era ricoverato da alcune settimane. Nato il 1 maggio 1925, fu partigiano e divenne presbitero nel 1954. Nel corso degli ultimi anni la sua persona era diventata nota al pubblico grazie alla sua partecipazione a programmi televisivi di divulgazione scientifica e all’ingente numero di libri che aveva scritto con la Editrice San Paolo, che è stata la prima ad aver dato notizia della morte dell’esorcista. Padre Amorth aveva 91 anni.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi