Come annunciato oggi in conferenza a Berlino, HTC consegnerà un numero limitato di Exodus 1, il primo smartphone nativo sviluppato con la blockchain, a sviluppatori ed esperti in tecnologie crypto. Ma l’annuncio porta immediatamente a due domande fondamentali: che cos’è esattamente un telefono blockchain e perchè qualcuno dovrebbe comprarselo?

Sappiamo che la blockchain è quella tecnologia a catena di blocchi che permette di certificare, archiviare e proteggere crittograficamente transazioni, esempio più noto di questo uso è quello che regola l’esistenza del Bitcoin e di altre criptovalute. I computer che partecipano al registro della blockchain agiscono come nodi di un sistema decentralizzato, simile al peer-to-peer, dove ogni nodo agisce contemporaneamente da server e client inviando e ricevendo dati.

Con l’introduzione di Exodus 1, HTC sostiene di voler creare un network di telefoni blockchain per duplicare il numero dei nodi di Bitcoin ed Ethereum, in modo che l’utente medio, anche senza conoscenze specifiche del settore, possa accedere più facilmente ai servizi offerti dalle tecnologie blockchain, come ad esempio il mercato delle criptovalute e altri settori dove la tecnologia verrà usata in futuro. Ma la vera novità che HTC promette è quella di consentire l’archiviazione dei dati del telefono sulla rete blockchain in modo da proteggerli in maniera ipersicura. E il risultato sarà certamente molto simile a Solid, il modello di web decentralizzato annunciato da  Tim Barners Lee qualche settimana fa. Lee, che del web è inventore, aveva pensato la rete di internet molto più decentralizzata di come è oggi.

Secondo HTC, un’ulteriore potenzialità offerta dal telefono blockchain sarebbe la possibilità di sviluppare applicazioni che gioverebbero delle potenzialità e della sicurezza di questa tecnologia. Si chiamano dApps, ovvero app decentralizzate, ecco il link per dargli un’occhiata.

 

A febbraio il Gruppo Ferrero aveva introdotto i propri gelati nel mercato di quattro paesi europei: Francia, Austria, Svizzera e Germania. E il successo non ha tardato ad arrivare: 1 miliardo di ricavi nel solo mercato francese. Ora i gelati del popolare marchio dolciario piemontese, leader mondiale del settore, arriveranno anche in Italia con nuovi tre gelati: il Kinder Ice Cream stick, il Kinder Ice Cream Sandwich (che è un gelato biscotto) e il Kinder Bueno Ice Cream Cone, ispirato al classico Kinder Bueno.

KIDS Bueno Ice Cream Cone: Il finissimo gelato alla nocciola incontra un cuore di crema al cioccolato al latte Kinder, incorporato in un cono croccante ricoperto da un sottile strato di crema fatta con le nocciole di Ferrero.

KINDER ICE CREAM SANDWICH utilizza ingredienti di alta qualità. Un gelato al latte cremoso con il 40% di latte intero, racchiuso tra due deliziosi biscotti a cinque cereali.

KINDER ICE CREAM STICK combina un gelato al latte contenente il 40% di latte intero con cioccolato al latte Kinder, rispettando i criteri nutrizionali Unilever per il gelato per bambini.

I gelati verranno introdotti per l’estate 2019 e saranno preceduti da una campagna pubblicitaria guidata da Unilever e saranno confezionati negli stabilimenti della Magnum in Olanda.

 

È morto Gilberto Benetton, fondatore nel 1965 dell’omonima azienda leader nel settore della moda insieme ai fratelli Giuliana, Luciano e Carlo. Aveva 77 anni. Vicepresidente di Edizione Srl, consigliere di Atlantia e presidente di Autogrill, è stato il regista della diversificazione delle attività della famiglia Benetton nei settori retail, infrastrutture ed immobiliare realizzata negli ultimi 20 anni.

Sportivo appassionato, tramite la Fondazione Benetton volle la realizzazione de La Ghirada, cittadella dello sport a Treviso. Nel 2015, Forbes stimò il suo patrimonio in 2,9 miliardi di euro, dodicesimo tra i paperoni d’Italia. Fu il primo della famiglia Benetton a esprimersi sulla strage del Ponte Morandi di Genova in un’intervista al Corriere nella quale parlò di sofferenza e cordoglio pur senza presentare le scuse ufficiali da parte del gruppo.

Gravemente ammalato e provato per la perdita del fratello Carlo avvenuta il 10 luglio scorso, è morto in seguito alle complicazioni di una polmonite per la quale era stato ricoverato pochi giorni fa.

Ebay ha lanciato un nuovo servizio di permuta per cellulari che permetterà agli utenti di mettere il proprio dispositivo in vendita nella rete del popolare e-commerce e ricevere un immediato sconto per un nuovo prodotto da acquistare. L’azienda, che non è nuova a programmi di permuta (ci aveva già provato nel 2013 con un servizio dedicato agli elettrodomestici), promette un ritorno maggiore rispetto ai competitors parlando di un 40% in più di valore nelle valutazioni che verranno fatte.

Per far permutare il proprio smartphone è necessario collegarsi alla pagina https://www.ebay.com/s/phone e inserire i dettagli del dispositivo insieme ad alcune foto. Successivamente l’utente riceverà un’offerta istantanea e potrà decidere se accettare e spedire subito il telefono ad Ebay. Sono attualmente accettati i telefoni Samsung Galaxy dall’S7 all’S9+, iPhone 6S, iPhone X. Da novembre saranno aggiunti anche Google Pixel e LG.

Sono quarantuno le scosse di terremoto che hanno colpito l’area del Vesuvio tra il pomeriggio e la sera della giornata del 20 ottobre, tutte quante comprese entro la zona craterica del vulcano e quindi non percepite dalla popolazione dei comuni limitrofi. Tutti quanti gli eventi sismici hanno avuto una breve durata e una magnitudo bassa, compresa tra -0.6 e gli 1.1 gradi della scala Richter.

Raggiunto al telefono dai giornalisti dell’Ansa, il direttore dell’osservatorio Francesca Bianco ha invitato alla cautela e non all’allarmismo: “Diciamo in piena onestà che nulla è normale attorno ad un vulcano attivo. [Le scosse] non sarebbero state percepite se il Vesuvio non avesse avuto una così grande densità di stazioni sismiche”.

La notizia dell’avvenuto sciame sismico, diffusasi in poche ore sui social network, ha provocato apprensione tra gli abitanti dei comuni della zona rossa vesuviana.

A più di due settimane dalla scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi, il consolato saudita verrà ispezionata dalle autorità turche nel pomeriggio di oggi. A comunicarlo è il Ministero degli Esteri turco in una nota.

Khashoggi, che avrebbe compiuto 60 anni, ex general manager del canale televisivo arabo Al-Arab News e firma nota del quotidiano Al Watan,  era profondamente critico e ostile verso Mohammed bin Salman, principe erede al trono saudita. E’scomparso il 2 ottobre dopo essere entrato all’interno del consolato dell’Arabia Saudita a Instanbul. Secondo quanto riferito dai media, Kashoggi sarebbe stato assassinato da un commando di 15 persone appositamente giunto da Riad per l’omicidio. Fonti americane e turche parlano di torture e di un’esecuzione agghiacciante. La stampa turca ha riferito che la polizia sta indagando seriamente sulla possibilità che il corpo del giornalista sia stato “sciolto nell’acido”.

 

 

Il principe Harry e Meghan Markle avranno un bambino: è quanto annunciato da una nota di Kensington Palace diffusa questa mattina. L’annuncio arriva a cinque mesi dal matrimonio dal secondogenito di Lady Diana e la duchessa di Sussex.

Nell’annuncio si legge:

“Il Duca e la Duchessa di Sussex sono molto lieti di annunciare che la Duchessa del Sussex aspetta un bambino atteso per la primavera del 2019.
Le loro altezze reali hanno apprezzato tutto il sostegno che hanno ricevuto da persone di tutto il mondo dal loro matrimonio avvenuto a maggio e sono felici di poter condividere questa felice notizia con il pubblico.”

Lo scorso novembre Snapchat aveva annunciato l’introduzione di nuovi effetti per le foto, tra cui la possibilità di riconoscere oggetti e animali. Per esempio inquadrando il vostro amico Fido si poteva far comparire la scritta “IT’S A PAWTY”.

L’effetto faccia di toast

Oggi invece la popolare app ha annunciato una serie di filtri per selfie destinati agli amici felini. Con gli effetti improbabili e divertenti, sarà possible:

– circondare la faccia del vostro gatto con una fetta di toast

– trasformarlo in un unicorno con tanto di arcobaleno colorato.

– effetto occhi alla Garfield

– occhiali di Steve Jobs

– Bocca gigante

– occhiali con la scritta “Deal with it”

Vi auguriamo buon divertimento, a voi e al vostro amico a quattro zampe.

Cari amici, è arrivato un giorno, quello in cui decidi che è finita per davvero. Ringrazio il presidente Gozzi e i ragazzi dell’Entella per l’occasione che mi hanno concesso. Gli auguro tutto il meglio. In questi giorni di allenamento ho capito però che non ho più la testa per allenarmi con continuità. Per giocare a pallone servono passione e talento, ma soprattutto ci vuole determinazione, e io in questo momento ho altre priorità. Voglio ringraziare tutti i compagni di squadra di questi anni, gli avversari, allenatori, dirigenti (sì certo anche quelli con cui qualche volta ho litigato). Ma soprattutto voglio ringraziare i tifosi, quelli dalla mia parte e anche gli avversari, perché senza di loro il calcio non esisterebbe.

Il pallone mi ha dato tantissimo. Mi ha fatto conoscere persone magnifiche, grandi campioni e gente comune. Mi ha tolto dalla strada, mi ha dato una famiglia e soprattutto mi ha fatto divertire da matti. Ancora oggi quando mi capita di vedere una qualsiasi partita resto ipnotizzato. È il gioco più bello che c’è.

Sì lo so con un altro carattere avrei potuto vincere di più e giocare meglio, ma credetemi, ho vissuto comunque emozioni incredibili e oggi ho accanto a me le uniche cose che contano davvero. La mia famiglia, gli amici e zero rimpianti.

Adesso comincia il secondo tempo della mia vita, sono curioso e carico di dimostrare prima di tutto a me stesso che posso fare cose belle anche senza l’aiuto dei miei piedi.

Grazie a tutti, di cuore.

Antonio Cassano

 

Un terremoto di magnitudo 4.8 ha colpito Catania nella notte. Una lunga scossa, avvertita distintamente alle 2.34 nella città e nei centri vicini, ha gettato la popolazione nel panico. Numerose le segnalazioni del sisma sui social network.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha confermato l’evento, con epicentro situato a 2 chilometri dal comune di Santa Maria di Licodia alla profondità di 9 chilometri.

Oltre a Catania si riportano danni anche a S. Maria di Licodia e Biancavilla. Seguono le prime immagini dei danni provocati dal sisma:

[In aggiornamento]