sabato, 23 giugno 2018 - Redazione - Contatti

Renzi da Scalfari: ‘No a più di due mandati’ e critica il M5S

Da Redazione, in Cronaca Primo Piano il .

Matteo Renzi è stato ospite di Eugenio Scalfari nella edizione estiva di Repubblica delle Idee, il festival giornalistico organizzato da La Repubblica a Roma dal 7 al 12 giugno. Il premier, intervenuto in una serie di incontri con personalità del mondo della cultura e della politica, prima di prendere la parola ha rivolto i suoi auguri di pronta guarigione a Silvio Berlusconi, che ha sofferto uno scompenso cardiaco e martedì dovrà subire la sostituzione di una valvola aortica.

Scalfari renziano, ma non troppo

Anche Eugenio Scalfari, novant’anni ad aprile, si è augurato che Berlusconi si ristabilisca presto, malgrado la loro rivalità politica e tutto quello che questo ha comportato. Scalfari ha poi trattato con Renzi la questione del referendum e del superamento del bicameralismo perfetto, che secondo il fondatore de La Repubblica si tratta di una riforma più che necessaria in quanto ‘chi vince deve governare da solo’. Su questo ha detto di essere d’accordo su Renzi, di potersi quindi definire ‘un renziano’, ma non per quanto riguarda l’Italicum, in quanto la Camera deve essere eletta liberamente, mentre nella legge elettorale essa è in pare nominata.

Il presidente del Consiglio ha invece sottolineato l’importanza del sì al referendum. ‘Votare no’ – ha detto – renderebbe l’Italia ingorvernabile’. ‘E un presidente del Consiglio non può fare più di due mandati’ – ha aggiunto – ‘perchè il potere logora’. Una critica è stata rivolta da Renzi anche al Movimento Cinque Stelle, che è nato – secondo il premier – ‘come partito antieuropeo‘. ‘Se vince la Raggi‘- ha concluso – ‘sarà poi un problema dei romani‘.