lunedì, 20 novembre 2017 - Redazione - Contatti

Trump, l’arrivo in Arabia Saudita e il missile dallo Yemen su Riad

Da Redazione, in Esteri il .

Ad accogliere Donald Trump al suo arrivo all’aeroporto di Riad c’è l’ottantunenne Re Salman. Accade molto di rado che il sovrano saudita si rechi direttamente in aeroporto per fare gli onori di casa, ma l’inconsuetudine stavolta è pienamente ripagata. The Donald porta con sè tutta una serie di novità, e egli stesso è la sua novità. Il neopresidente USA infatti ha scelto proprio l’Arabia Saudita come destinazione della sua prima visita fuori dai confini. Sarà poi a Gerusalemme e a Roma il 24 maggio (dove è previsto l’incontro con Papa Francesco) in un viaggio che tocca significativamente le tre grandi capitali delle più grandi religioni.

Nella giornata di domani Trump prenderà parte al Summit con i Paesi Arabo-Islamici e il New York Times gli ricorda che avrà molto di cui farsi perdonare nelle parole che userà durante il suo intervento, soprattutto a merito dei numerosi slogan anti-islam usati durante la sua campagna presidenziale e il provvedimento che ha vietato l’ingresso di persone di fede islamica negli Stati Uniti.

L’arrivo di Trump ha ricevuto però anche tutt’altri convenevoli: nella vigilia dell’atterraggio dell’Air Force One presidenziale infatti le autorità saudite hanno comunicato di aver neutralizzato un missile lanciato da ribelli yemeniti. Il punto forte dell’incontro tra USA e Arabia Saudita è infatti un accordo per la vendita di armi per 110 miliardi di euro. Armi che vengono usate per reprimere le rivolte in Yemen, causando spesso la morte di civili che le organizzazioni per i diritti umani hanno denunciato più volte.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.
A cosa servono i cookie?
I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
Cliccando su "Accetta" l'utente permette il loro utilizzo.
L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai Cookie disattivandoli, direttamente tramite l’applicazione che usa per navigare internet ( browser ). Premesso che il blocco dei Cookie potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito riportiamo di seguito i link alla guida per la loro disattivazione: Come disattivare i cookie
Anche in caso di servizi erogati da terze parti l’utente ha diritto ad opporsi al tracciamento ed è tenuto ad informarsi sulle modalità tramite la privacy policy della terza parte o contattando direttamente la stessa.

Chiudi